Re: Responsabile Commerciale Estero – esperto paesi del Medio Oriente

Re: Responsabile Commerciale Estero – esperto paesi del Medio Oriente

Forums Forum Cerco e Offro Lavoro Responsabile Commerciale Estero – esperto paesi del Medio Oriente Re: Responsabile Commerciale Estero – esperto paesi del Medio Oriente

#7626
Sogno-Dubai
Membro

Caro Nicola e Caro Ninni,

Il Kuwait di allora era come Dubai di oggi in termini di “entusiasmo” della gente, tutti volevano andare in Kuwait perchè c’era una ricchezza non paragonabile agli altri paesi, esattamente come lo è Dubai ora, al di là delle facilitazioni fiscali, alcolici o quant’altro. La gente era entusiasta e fra questa gente, nel 1960, c’era anche mio padre e mia madre.

Quando mio padre, nel lontano Febbraio 1990 mi disse che aveva deviato negli ultimi anni i suoi investimenti dal Kuwait all’Europa, mi ero dissociato dalla sua scelta, per me era assurdo quello che diceva, lui parlava di fantomatiche minacce che venivano da uno o più paesi vicini e per me era semplicemente ridicolo, chiacchiere di giornali, anzi, per me mio padre era “alla vecchia maniera”, cioè tendenzialmente negativo.

Io ero entusiasta, avevo 24 anni e per me il Kuwait aveva il reddito pro-capite più alto al mondo, c’era prosperità, c’era stabilità, volevo continuare a vivere la mia vita lì….

Sei mesi dopo c’è stata l’invasione irachena del Kuwait e grazie al cielo, e anche a mio padre, non abbiamo perso tutto (come le centinaia di migliaia di famiglie che hanno perso tutto, ma proprio tutto). Ho capito che la stabilità di un paese non si misura con il reddito procapite, con i grattacieli e con le facilitazioni fiscali. Bisogna anche misurarsi con i paesi limitrofi, il tessuto sociale e politico, le eventuali minacce, il divario fra prosperità e povertà all’interno della stessa cultura, e tanti tanti altri fattori.

Mi rendo conto che ora è uscita una nuova tendenza in Italia che si chiama Dubai e mi auguro che le prospettive siano rosee per tutti, ma io nei miei affari con il Golfo Persico ho imparato, dalla storia personale di mia famiglia, che investire nei mercati emergenti vuol dire destinare una parte minima del proprio capitale ed attendere risultati notevole, NON destinare tutto il mio capitale e sperare di fare una fortuna, da quì è scaturito il mio consiglio a Simone.

S. Zacaria