Re: Viva l’ Italia

Re: Viva l’ Italia

Forums Forum Ritroviamoci Viva l’ Italia Re: Viva l’ Italia

#6742

Come qualcun altro in questo forum anche io sono nato all’estero. Ho conosciuto l’Italia in casa e a scuola. I colori e gli odori mi arrivavano attraverso il sussidiario, e nei primi anni della mia infanzia non riuscivo a capire il perche’ del fatto che dentro la scuola ed a casa parlavano tutti come me, mentre fuori la gente usava suoni diversi. Non mi rendevo conto del perche’ il giornale era sempre vecchio di due giorni, il panettone era prezioso come l’oro e non capivo come mai mio padre condivideva la notizia dell’arrivo dei salumi al primo dei supermercati di quella citta’ come si trattasse di merce pregiata e segreta. I diari alle elementari ed alle medie erano appannaggio dei figli “di quelli dell’ambasciata” e mio padre se li faceva mandare dalla sorella di Milano. Vecchi emigranti si aggiravano nel Centro Ricreativo Italiano quando in salute e per i padiglioni dell’ Umberto I quando stavano male. L’accento era un miscuglio di dialetti del nord e del sud, colorato dalla cantilena mediterranea tanto da diventare un dialetto a se. Mio padre e mio nonno erano stati “internati” dagli inglesi con la sola colpa di essere italiani durante la Seconda Guerra Mondiale. Quattro anni di noia e di sospensione della vita..qualcuno ci lascio la pelle. Niente a che vedere con i campi di concentramento nazisti, ma comunque una prigionia senza colpe subita da migliaia di connazionali, alcuni addirittura antifascisti, o religiosi. Imparare a restare italiano, come dice Nicola, anche se con passaporto argentino o australiano, questa e’ la lezione. Noi abbiamo sempre mantenuto stretto il passaporto italiano, in quanto il paese che ci ospitava era comunque vicino e non richiedeva la nostra integrazione, ma l’Italia e’ sempre rimasta dentro ai pensieri, come un’ amante bella e lontana, scontrosa e amorevole. Beh, scusate questo lungo dire, era un modo di condividere con voi una parte di me, che appartiene a tutti.
Il paese in cui sono nato e vissuto e’ l’ Egitto…mi rendo conto che non lo avevo detto parlandone…
W L’ITALIA