Giovani a Dubaii: si può o non è il caso?

Giovani a Dubaii: si può o non è il caso?

Forums Forum Annunci personali Giovani a Dubaii: si può o non è il caso?

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 12 post - dal 1 a 12 (di 12 totali)
  • Autore
    Post
  • #632
    ShiroiSame
    Membro

    Ciao ha tutti!
    Dato che ho solo 23 anni (ma tanta voglia di emergere e migliorare la mia situazione lavorativa!e soprattutto vivere in un paese migliore!) vorrei sapere se Dubai permette una crescita professionale anche per chi come me è così giovane (sono laureato da qualche mese…)!

    Mi è, infatti, stata data la (brutta purtroppo) notizia che Dubai, per uno così giovane, non è appetibile principalmente perchè, mancando io di esperienza, non potrei ricoprire cariche manageriali o di responsabilità. In altre parole mi ritroverei solo a ricoprire lavori di basso profilo (ad es. il semplice programmatore web e non il responsabile del settore web) e questo implicherebbe stipendi troppo bassi, dato che la concorrenza a basso costo (indiani e cinesi) a quel livello è disarmante!

    Quello che mi è stato riferito è una esatta fotografia della situazione attuale?
    oppure sono si notizie vere, ma comunque molto soggettive?

    Grazie a tutti,
    ciao ciao.

    #8781
    nicola
    Membro

    Concordo con quanto ti hanno detto. Dubai non é il miglior posto dove fare gavetta, diciamo da un punto di vista economico.

    #8782
    ShiroiSame
    Membro

    Bene…anzi male…si sfumano i miei sogni di “gloria”…peccato…

    e gli altri emirati?stessa cosa oppure cambiando (esempio Abu Dhabi, dato che è abbastanza famosa) posto le cose migliorano? e diventano più dignitose per noi giovani in erba?

    Certo che è strano sentire parlare di “pochi soldi” o “mal pagato” in un ambiente ultra-ricco come Dubai, dove qualcuno si è permesso di costruirsi una pista da sci o un isolotto a forma di palma su cui piantare graziose villette…

    #8784
    nicola
    Membro

    La politica della manodopera a basso costo é largamente in uso in tutta l’area del Golfo di cui gli Emirati Arabi fanno parte. Quindi anche gli altri emirati sono soliti alla stessa politica. Visto che gli stipendi del personale asiatico sono aumentati avvicinandosi a quelli europeri per quanto concerne il settore informatico, fossi in te un giro da queste parti me lo farei.

    #8785
    ShiroiSame
    Membro

    Grazie nicola.
    Beh, indubbiamente tentare non costa proprio nulla!
    Appena il mio inglese torna a livelli decenti (poiché, ahimè, negli ultimi anni l’ho un po’ perso) inizio ad applicarmi sui vari siti di recruitment on-line e vediamo cosa mi viene proposto.

    Adesso, non so come ci siete riusciti voi, però credo che prendere un aereo, arrivare li e iniziare a cercare lavoro sia un tantino difficile. Credo che il modo migliore sia quello di sfruttare la “potenza” di internet per arrivare ovunque attraverso i vari siti di trova-lavoro.

    In tutti i casi, per quel che riguarda gli stipendi, mi basterebbe un qualcosa di umano che mi permetta di mantenere un affitto o una casa…ho due sogni: venir via dall’Italia e lavorare nel mondo della grafica editoriale. I soldi, effettivamente, sono l’ultima cosa a cui guardo. Prima vorrei cercare di essere felice del mio lavoro e soddisfatto del posto in cui vivo…qui dove sto ora non è possibile ne l’una ne l’altra cosa…

    Grazie ancora per la risposta.
    Ciao

    #8792

    Ciao,
    innanzitutto quella ripassata all’Inglese farai davvero bene a dargliela, se vuoi cercarti una prospettiva ovunque, è necessario.
    Poi, per fari un’idea, comincia a dare un’occhiata ai vari siti di recruitment, le offerte per programmatori WEB e WEB designer non mancano, il più delle volte sono indicati anche gli stipendi offerti.

    Auguri

    Paolo

    #8793
    ShiroiSame
    Membro

    uhm…occhio che io ho fatto l’esempio del programmatore web…ma non sono un programmatore web…o meglio, lo so fare ma più come passatempo che come professione…faccio (o meglio, sto imparando a fare) il grafico impaginatore per una casa editrice…
    Comunque il duo discorso è validissimo sempre, caro pavel59. DEVO ripassare l’inglese e sapere ad un livello tale da permettermi di conversare senza problemi…
    L’unica cosa che non ho ancora ben capito è se ho effettive possibilità di trovare lavoro anche standomene qua in Italia.
    Usando questi siti di recruitment on-line riuscirei a trovar lavoro anche se nel curriculum metto indirizzo italiano? Non credo che avrò mai le risorse finanziarie per stare negli emirati un mese o due in cerca di lavoro…e quindi il mio grosso immenso dubbio è:
    1) ci saranno mai case editrici negli emirati?o si contano sulle punta delle dita, quindi trovare lavoro al loro interno è mission:impossible 1, 2 e 3 assieme?
    2) si troverà lavoro anche comodamente dal mio computer di casa?facendo apply sui vari siti di recruitment ma standosene comodamente in Italia, pronti al colloquio telefonico e all’eventuale partenza per la firma del contratto?

    Scusate se sono paranoico…ma quando si è in cerca di lavoro e non si trova nulla lo si diventa un pochino…e poi, mi sembra un bel salto di qualità quello di un 23 che molla tutto qua per andarsene a Dubai…

    Aiuto,
    Simone

    #8804

    Simone,
    per quanto riguarda la domanda relativa alle agenzie di recruitment, mi pare che alcune funzionino abbastanza seriamente, una valida alternativa è quella di cercare on-line gli elenchi delle aziende che operano a Dubai, nel settore che ti interessa (cerca su Dubai Media City ad esempio) e sui siti delle aziende quasi sempre troverai le opportunità di impiego, le posizioni aperte, la possibilità di inviare un CV.

    Io, per esempio, mi sono avvicinato a questo mondo per caso, spinto da un amico che aveva visto un annuncio che rispondeva alle mie caratteristiche. In effetti mi hanno chiamato immediatamente, però poi non ci siamo accordati economicamente.
    A quel punto la cosa mi ha incuriosito e, poi, interessato.

    Ho fatto come ti ho suggerito, ho risposto presso alcune agenzie e, per la maggior parte, direttamente alle aziende che mi interessavano. Risultato, ho in piedi un paio di possibilità molto interessanti che per ora sto tenendo in stand-by perchè nel frattempo mi si sono sviluppate delle novità molto ghiotte qui, ed anche perchè voglio capire meglio se ne vale la pena o no. Economicamente in linea di massima sì.

    In questi ultimi giorni, devo ammettere che l’evoluzione delle cose qui in Italia mi fa propendere sempre più per il salto, per cui vedrò di stringere con i contatti in corso e poi, programmare un giro a Ottobre per valutare di persona.

    Tornando a te, da quel che ricordo ci sono parecchi annunci che riguardano l’editoria, tieni però presente che stampa e comunicazione, ben che vada sono bi-lingue oppure lingua Araba, per cui … Ci sono diverse opportunità nel multi-media, programmazione flash ecc. Se ti spingi verticalmente sulla grafica ed illustrazione, più che su publishing, allora probabilmente hai maggiori chances.

    In bocca al lupo

    Paolo

    #8814
    ShiroiSame
    Membro

    pavel59 ha scritto:


    > Simone,
    > per quanto riguarda la domanda relativa alle
    > agenzie di recruitment, mi pare che alcune
    > funzionino abbastanza seriamente, una valida
    > alternativa è quella di cercare on-line gli
    > elenchi delle aziende che operano a Dubai, nel
    > settore che ti interessa (cerca su Dubai Media
    > City ad esempio) e sui siti delle aziende quasi
    > sempre troverai le opportunità di impiego, le
    > posizioni aperte, la possibilità di inviare un
    > CV.
    >
    > Io, per esempio, mi sono avvicinato a questo mondo
    > per caso, spinto da un amico che aveva visto un
    > annuncio che rispondeva alle mie caratteristiche.
    > In effetti mi hanno chiamato immediatamente, però
    > poi non ci siamo accordati economicamente.
    > A quel punto la cosa mi ha incuriosito e, poi,
    > interessato.
    >
    > Ho fatto come ti ho suggerito, ho risposto presso
    > alcune agenzie e, per la maggior parte,
    > direttamente alle aziende che mi interessavano.
    > Risultato, ho in piedi un paio di possibilità
    > molto interessanti che per ora sto tenendo in
    > stand-by perchè nel frattempo mi si sono
    > sviluppate delle novità molto ghiotte qui, ed
    > anche perchè voglio capire meglio se ne vale la
    > pena o no. Economicamente in linea di massima
    > sì.

    Ok, ma forse non ho capito un piccolo particolare…ti hanno contattato nonostante sul tuo cv c’era un indirizzo italiano?quindi, nonostante il tuo recapito fosse Italiano, loro ti hanno contattato lo stesso…telefonicamente immagino…beh, questo mi conforta non poco!

    > In questi ultimi giorni, devo ammettere che
    > l’evoluzione delle cose qui in Italia mi fa
    > propendere sempre più per il salto, per cui
    > vedrò di stringere con i contatti in corso e poi,
    > programmare un giro a Ottobre per valutare di
    > persona.

    Potessi farlo anche io un viaggetto “valutativo” ti seguirei a ruota…davvero!

    > Tornando a te, da quel che ricordo ci sono
    > parecchi annunci che riguardano l’editoria, tieni
    > però presente che stampa e comunicazione, ben che
    > vada sono bi-lingue oppure lingua Araba, per cui…

    Ah…a ciò non avevo proprio pensato…tuttavia non avrei alcun problema ad impararmi una lingua diversa…ero già tentato dal giapponese…vorrà dire che mi buttero sull’arabo!!! [(–)]
    Beh, scherzi a parte ok, immagini che spesso le case editrici realizzeranno opere bilingua…tuttavia spero che la mia conoscenza in inglese sia più che suff.

    > Ci sono diverse opportunità nel multi-media,
    > programmazione flash ecc. Se ti spingi
    > verticalmente sulla grafica ed illustrazione, più
    > che su publishing, allora probabilmente hai
    > maggiori chances.

    Ottimo consiglio..anche se ho sempre creduto (anche perchè così è stato più volte detto) che quelli fossero settori ultra saturi dal punto di vista della manodopera…ci sono un sacco di stranieri sottopagati, e per un italiano le condizioni non sono molto sostenibili…in tutti i casi prendo per buoni il consiglio!In effetti, anche qui in Italia mi sto muovendo verticalmente e non solo (purtroppo, data la mia passione) verso l’editoria…

    > In bocca al lupo

    Eh, crepi! e a questo punto, in bocca al lupo anche a te…spero mi vorrai dare ancora consigli…sono tutto orecchi!

    Per ora grazie mille!
    Ciao

    #8823

    Ciao Simone,
    sì, ti confermo che finora i contatti li ho tenuti dall’Italia e non ci sono stati problemi.
    La procedura è stata più o meno questa:

    invio CV
    prima risposta con richiesta esempi di lavori (portfolio nel mio caso, mi occupo di design)
    successiva risposta (in un paio di giorni) e invio di moduli da compilare per l’ufficio del personale
    nuovo contatto (anche qui in un paio di giorni) con richiesta di colloquio telefonico.
    Appuntamento e intervista telefonica
    accordo preventivo, poi, divergenza sul trattamento economico.

    Negli altri casi, la procedura è stata simile, poi ho tenuto in sospeso la mia disponibilità a proseguire in quanto – nel frattempo – ho preso dei lavori grossi nel settore maxi-yacht e sto valutando la situazione.
    La mia tentazione/speranza è quella di riuscire ad organizzarmi per trasferirmi e gestire tutto da lì.

    Io non ho più 23 anni e quindi il passo va ponderato maggiormente e con altri stimoli e diverse valutazioni.

    In merito ai lavori di grafica, da quel che ho visto più o meno distrattamente, si tratta di lavori considerati di staff e quindi con uno stipendio piuttosto modesto, comunque – se non ricordo male – intorno ai 6/7.000 Dirham però tax-free e con i soliti benefit di casa, copertura medica, vacanze e viaggi pagati. Visto che anche in Italia non è poi così facile guadagnarsi la pagnotta e le spese ci sono comunque (casa, trasporti, vitto, telefono, luce gas e acqua ….)

    ti allego un tipico post, recente:

    Job Description:

    Software Proficiency: Extremely proficient in Adobe Photoshop, Macromedia Flash

    Job Requirements: Designing the BTL products like (POP etc), Designing newsletters for online communication in Arabic and English, Assists in the designing various promotional materials/pamphlets for marketing campaigns

    Essential Skills

    Creative.

    Ability to grasp the requirement based on the briefing from the marketing team and design accordingly,Should have excellent communication skills in both English & Arabic, written and oral

    Desirable skills

    Should handle tasks independently

    Time bound

    Personality Traits

    Salary AED 8,000/- to 9,000/- gross per month + medical, dental, optical and life Insurance coverage + annual air fare + annual bonus + overtime.

    Buona ricerca

    Paolo

    #8826
    liam
    Membro

    Ciao,
    Io non leggo nell’annuncio di lavoro niente relativo all’accomodation.
    La casa o il posto letto non e’ fornito dalla ditta in questo caso e quindi la paga e’ totalmente insufficiente.
    Bisogna prestare molta attenzione a cosa e’ incluso e cosa non c’e’!
    Paolo, tu parli di soliti benefit… Ti assicuro che non sempre le ditte offrono la casa al dipendente e con i prezzi di affitto di oggi anche l’eventuale allowance puo’ essere insufficiente.
    Il costo di un monolocale decente puo’ essere 7000 dhs al mese.

    #8829

    Ciao Liam,
    hai letto bene, infatti nell’annuncio non è prevista la housing allowance, ma è stato il primo annuncio che ho trovato, inerente l’argomento di interesse per Simone. Più che altro l’ho postato per dargli un’idea di quello che chiedono per quella posizione.

    Quest’annuncio, stante anche la specifica bi-lingue è evidentemente orientato a residenti o – quanto meno – regionali.

    Per la posizione, quando rivolti a professionalità “occidentali”, gli annunci che avevo visto proponevano stipendi un pò più bassi ma sempre con Housing Allowance e tutto il resto, da qui il mio “soliti benefit”.

    Trattandosi di scelte di una certa rilevanza, io credo – ed auspico – che ciascuno ponga la dovuta attenzione a tutte le condizioni e che poi valuti il mix di impegni e benefici.

    Per un ragazzo così giovane io – generalmente – consiglio sempre, quando vi è una buona opportunità, di non perdersi l’occasione di farsi un’esperienza internazionale.
    Per vari motivi io ho mancato diverse di queste opportunità e. nel mio lavoro, lo considero una mancanza grave.
    Per questo, ora che sono comunque in una fase transitoria e di cambiamento logistico (sono entrato da un paio d’anni nello Yacht Design e devo decidermi a spostarmi da Udine verso Trieste o la Slovenia) e sono casualmente venuto in contatto con l’opzione Dubai, sto seriamente valutando l’opporunità di uno spostamento di qualche Km più a SudEst…
    :-)

    Scherzi a parte, fino ad oggi ho maturato diverse ed importanti esperienze in settori tecnologici, sopratutto dell’elettronica, delle materie plastiche e dell’automotive, ora che sono entrato con risultati promettenti nel mondo della nautica (mia antica passione) mi trovo di fronte una realtà stimolante e frustrante al tempo stesso.
    Stimolante perchè si tratta di un mondo nel quale il design interviene veramente su tutto, e c’è ampia libertà di movimento.
    Frustrante perchè, sebbene l’Italia sia il leader indiscusso a livello mondiale, specie nel settore dei MaxiYacht, la crisi di liquidità investe anche questo settore ed i progetti stentano a decollare.
    In questo campo Dubai è ancora in una fase embrionale, per cui intravvedo maggiori spazi e possibilità, oltre alla necessaria liquidità.

    Chiudo qui la disgressione.
    Ci tenevo solo a dare la mia opinione in merito alla valutazione di opportunità e convenienze in quella che sicuramente può essere una scelta importante nella vita di una persona.

    Ciao

    Paolo

Stai visualizzando 12 post - dal 1 a 12 (di 12 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.