Le auto abbandonate in un anno all’aeroporto sono state solo 11

Le auto abbandonate in un anno all’aeroporto sono state solo 11

Forums Forum Dubai notizie Le auto abbandonate in un anno all’aeroporto sono state solo 11

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 31 totali)
  • Autore
    Post
  • #1272

    Il Generale Dhahi Khalfan Tamim, comandante in capo della polizia di Dubai ha sconfessato un articolo che riporta molte persone a Dubai hanno abbandonato le proprie auto all’aeroporto di Dubai per via dell’attuale crisi globale. Questo articolo é stato riportato dal giornale elettronico in arabo Elaph.com. L’articolo in questione era stato pubblicato originariamente da The Times of London. Dopo che la notizia ha assunto proporzioni mediatiche notevoli, il capo della polizia di Dubai ha convocato d’urgenza una conferenza stampa e ha fatto chiarezza sui numeri. “State certi che se avessimo avuto almeno 50 o 25 o 15 auto abbandonate all’aeroporto vi avremmo informati. Ci sono state solo 11 auto lasciate all’aeroporto dal 1^ gennaio del 2008, quindi prima della crisi economica globale“, ha affermato Tamim “e la notizia di 11 auto abbandonate non ha alcuna rilevanza per doverla comunicare alla stampa”. “I giornalisti hanno agito con poca professionalitá e senza oggettivitá riportando che l’economia di Dubai stava collassando“, ha aggiunto. Nessuno vuole negare che anche Dubai sta accusando problemi dovuti alla crisi globale, ma nulla delle dimensioni di quanto viene riportato. Quello che si sta scrivendo é una campagna mediatica orchestrata contro Dubai.”Un reporter deve sempre verificare i fatti di quanto riporta. É mai successo che un giornalista venisse da noi o richiedesse un nostro commento e noi glielo abbiamo negato? Credibilitá, obbiettivitá e responsabilitá sono essenziali nel giornalismo e questi resoconti hanno mancato di credibilitá. False nutizie sul collasso del mercato a Dubai non sono altro che voci. Dovessero esserci delle defezioni o importanti informazioni ne faremo dovuta notifica ai media. Dubai sta ancora vivendo un economia regolare e i problemi attribuiti all’emirato sia dai media locali e sia da quelli internazionali sono completamente falsi.”ha aggiunto Tamim. “Ho ricevuto istruzioni precise da sua altezza lo Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, vice presidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e governatore di Dubai di rivolgermi alla stampa con totale onestá“.


    Rilevato dal sito della polizia di Dubai
    http://www.dubaipolice.gov.ae/dp/english/news/news_show.jsp?Id=857374847&ArticalType=1

    #12102
    PattyDXB
    Membro

    Non so cosa pensare e sicuramente quanti di voi vivono a Dubai diranno che la verità sta in mezzo…
    Da una parte l’articolo “rassicurante” con le citazioni del Generale Dhahi Khalfan Tamim, dall’altra le notizie che ho letto poco fa su un giornale italiano (La Stampa) che non dicono nulla di buono…

    Qui sotto articolo de “La Stampa”:
    http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200902articoli/40760girata.asp

    Cosa ne pensate?

    Patty

    Bye-bye Dubai, manager in fuga e case deserte

    Le auto abbandonate all’aeroporto. Gli italiani: “Navighiamo a vista”
    FRANCESCO MOSCATELLI
    Le carrozzerie fiammanti di Suv e berline sono coperte da un sottile strato polvere. Le chiavi sono al loro posto nel cruscotto, come se il proprietario fosse andato a pagare il parcheggio. Ma un bigliettino di scuse, scarabocchiato prima di imbarcarsi da manager e consulenti in fuga dal sogno diventato incubo, raccontano un’altra storia. Sono le auto abbandonate all’International Airport di Dubai dagli occidentali scappati dall’Eden di grattacieli e centri commerciali cresciuto a suon di «real estate» e manodopera del sud est asiatico a basso costo. La polizia sostiene di averne contate tremila solo negli ultimi mesi. Poche o tante che siano, sono diventate il simbolo di questa Disney travolta dalla realtà, vittima di una sbornia economica a doppia cifra, con il Pil che cresceva dell’8,5% all’anno e le casse dello Stato che registravano un attivo di bilancio pari a 1,5 miliardi di dollari. L’estate scorsa, all’International Airport, atterrava un aereo pieno ogni tre minuti e tutti i giorni venivano registrati 15 mila nuovi visti d’ingresso. I cantieri lavoravano 24 ore su 24, impegnando il 20% di tutte le gru del pianeta e i paperoni correvano a comprarsi il loro posto al sole «tax free». Accadeva sei mesi fa, ma sembra un’altra vita. Oggi la recessione è tutta in un numero: -50%, quanto sono crollati improvvisamente i prezzi degli appartamenti nell’esclusivo resort di Palm Jumeirah. «La crisi? L’ho vista dalla finestra dell’albergo osservando il cantiere di Palma Deira, uno dei tre arcipelaghi artificiali: non c’era il solito viavai di camion e betoniere, regnava un silenzio irreale – racconta un commerciante di gioielli milanese, rientrato ieri mattina da un viaggio di lavoro negli Emirati – Sui giornali locali si parla di un crollo del 15% del turismo e del 30% nel commercio, le banche stanno rinegoziando i mutui. A Dubai, se le cose vanno male, ci mettono un secondo a licenziarti. Non ci sono sindacati e hai un mese di tempo per tornare a casa».

    C’è chi parte, ma c’è anche chi fugge a gambe levate. La Sharia, che ispira anche la legislazione commerciale dell’Emirato, non ammette sgarri. «É un paese piuttosto liberale, ma ti tengono in carcere un mese se ti trovano ubriaco al volante – spiega Gilda Fridegotto, 27 anni, a Dubai da oltre tre anni per la International Finance Corporation -. Qui se fai un assegno scoperto finisci dritto in prigione. Figuriamoci se qualcuno è accusato di bancarotta fraudolenta». L’ultimo a pagarne le spese, pochi giorni fa, è stato un egiziano, bloccato al check-in pochi istanti prima di salire a bordo del suo volo per Londra: ha creato un buco da un miliardo di dollari con un reticolo di società finanziarie che garantivano interessi da capogiro, fino al 20% annuo. Ma il panico si sta diffondendo anche tra gli operatori onesti, abituati a vivere in lussuosissime ville vista mare: da Natale ad oggi i loro consumi si sono ridotti del 25%. «Ho molti amici che si preparano a rientrare in Inghilterra e in Germania – continua Gilda -. Qualche cifra? Mi dicono fino a duemila persone al giorno, così tante che gli uffici governativi non riescono a sbrigare in tempo tutte le pratiche burocratiche. Il costo della vita è esorbitante: i dati ufficiali affermano che l’inflazione è al 10% e i tassisti, per sbarcare il lunario, devono lavorare anche 13 ore al giorno».

    Cerca di sdrammatizzare Roberto Bagni, reggente del consolato italiano di Dubai: «Dal nostro osservatorio vediamo connazionali che se ne vanno, ma anche qualcuno che entra nel paese. Le difficoltà ci sono, inutile negarlo, e molte società stanno sfoltendo gli organici, a tutti i livelli. Basta guardare il traffico». Gli unici progetti che si salvano sono quelli gestiti dal governo, come la nuova ferrovia da 50 km che collegherà l’aeroporto alla zona dello shopping. «Cosa farà il governo? È questo il vero punto interrogativo – analizza il commerciante di gioielli, che preferisce non esporsi -. Metterà i soldi per ricapitalizzare le banche? A Dubai decide tutto la famiglia regnante e le informazioni sono centellinate. È difficile capire cosa si muova sottobanco». I dubbi riguardano il rapporto con gli altri Emirati, in primis Abu Dhabi. «Ormai navighiamo a vista: se i lavori di costruzione hanno superato il 60% si procede, altrimenti tutto si ferma – racconta Giulio Meroni di Meritalia, uno dei volti dell’arredamento Made in Italy in Arabia, con una squadra di operai pronta a partire per l’Emirato lunedì prossimo – Era inevitabile: Dubai non poteva crescere per sempre. In Qatar, Oman e Abu Dhabi le difficoltà si sentono molto meno. Il futuro di Dubai è nelle loro mani. Cosa faranno gli Emirati conservatori, le formichine ricche di petrolio? Ascolteranno il lamento della cicala?».

    #12106
    emiramax
    Membro

    Ancora ??????

    #12109
    nicola
    Membro

    Cara Patty sei arrivata tardi sull’articolo perché da un paio di giorni lo stiamo giá discutendo in modo approfondito su un altro post. Approfitto anche per dire che c’é stato uno scambio di messaggi tra il sottoscritto e il giornalista in questione, messaggi che ritengo chiarificativi e non appena si concludono decideró se renderli pubblici.

    Il post in questione é il seguente: http://www.dubaimania.net/read.php?3,7344

    #12110
    dubai
    Membro

    stavo per scriverlo io….l’ancora!

    ma queste notizione sono cosi eclatanti che ci vogliono i mesi a farle girare??!?! (tono sarcastico e provocatorio)
    è da qualche mese che leggo che le case sono scese del 50%…..
    allora, un 50% in meno a novembre, poi un altro 50% a dicembre, poi a genaio….ora al posto di lasciarli di mancia i dirham metallici li uso per prenderci casa a dubai..

    leggete gli interventi di nicola che mi paiono i piu oggettivi, se non altro perche nicola è un po che ci vive a dubai, ed quindi un po che legge di cavolate scritte su dubai…in positivo prima, in negativo poi….

    i giornalisti sono una delle poche categorie al mondo che riesco quasi ad odiare.

    #12111
    dubai
    Membro

    ecco, al solito mi hai preceduto…ma stavolta solo di pochi secondi!! ;-P

    ps, ma che ne sanno i giornalisti? ora., non voglio generalizzare ne puntare il dit su nessuno, solo che per quanto riguarda molti degli articoli su dubai che ho letto, ci sono spesso imprecisioni e dati errati….

    se a questo aggiungiamo una volutamente errata lettura degli stessi solo per rendere piu drammatica la cosa…..

    #12135
    PattyDXB
    Membro

    Tranquilli….!
    Ho la sensazione che appena si tira fuori un argomento, ci sia subito l’impulso ad “abbaiare” da queste parti…. e che è!

    Buona giornata

    #12137
    nicola
    Membro

    Ma no Patty, il fatto é che questo forum é vivo! Le persone partecipano agli argomenti con passione e il rischio a volte é che qualcuno confonda la foga passionaria con atteggiamenti rudi. Cosí non é credimi. Oddio in qualche caso puó essere ma per la maggior parte degli utenti ti assicuro le intenzioni sono altre.

    #12144
    dubai
    Membro

    no, il problema potrebbe essere anche un altro…ok, c’e chi legge ogni nuovo post perche non ha di meglio da fare (tipo me) e chi no, lagge solo qui e li…
    se qualcuno quindi appartenetne alla seconda categoria posta un doppione che qualcuno della prima categoria ha gia letto….beh, puo provocare in quest’ultimo una delusione profonda!
    io corro appena vedo illuminarsi di rosso il messaggio “UN MESSAGGIO NUOVO” e non hai idea di quanto male ci rimango se l’argomento è gia stato discusso e trattato altrove …. :-)
    bau

    #12146
    PattyDXB
    Membro

    Mi spiace per il doppione …ma vivi con più leggerezza…fa bene alla salute!

    #12147
    dubai
    Membro

    si vede che la mia ironia non è facilmente comprensibile! ;-)

    #12165
    emanuele47
    Membro

    Perchè non vi rilassate e vi godete il sole di Dubai?
    Che senso ha difendervi a spada tratta dal crudele mondo che, abbagliato ed invidioso dello splendore di questa ex landa desolata, diffonde notizie false e tendenziose?
    Tutti noi sappiamo che non si sputa nel piatto dove si mangia, ma “est modus in rebus”, nessuno è profeta in patria, dunque voi, stando a Dubai, avete libertà di profetizzare.
    Buon divertimento

    #12182
    PattyDXB
    Membro

    Infatti…. “take it easy”…. !

    #12269
    nicola
    Membro

    A quanti si sono divertiti a ricamare sopra la news delle auto abbandonate vorrei segnalare un articolo che cita numeri ben piú preoccupanti su quanto sta accadendo in Qatar: http://www.arabianbusiness.com/546749-qatar-sees-huge-hike-in-abandoned-cars

    Un unica precisazione, il boom economico in Qatar é in forte e continua crescita.

    Saranno le 3000 auto che sono state abbandonate a Dubai e hanno riallocato durante le ore notturne in Qatar per non destar sospetto??? ::?::

    #12285

    Noto con piacere che i controcorrente si sono replicati…adesso non possono dire che io mi sostituisco a voi e cospargo di verita’ il forum…
    Grazie di esistere Emanuele e Patty…

    emanuele47 ha scritto:


    > Perchè non vi rilassate e vi godete il sole di
    > Dubai?
    > Che senso ha difendervi a spada tratta dal crudele
    > mondo che, abbagliato ed invidioso dello splendore
    > di questa ex landa desolata, diffonde notizie
    > false e tendenziose?
    > Tutti noi sappiamo che non si sputa nel piatto
    > dove si mangia, ma “est modus in rebus”, nessuno
    > è profeta in patria, dunque voi, stando a Dubai,
    > avete libertà di profetizzare.
    > Buon divertimento

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 31 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.