qualche domanda

qualche domanda

Forums Forum Ritroviamoci qualche domanda

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 6 post - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Post
  • #112
    vania
    Membro

    :PCio, ho qualche domanda da porvi:

    -cosa non è consentito portare a dubai (ad es. ho letto di cd masterizzati o libri fotocopiati)

    -quali sono le forme più efficenti ed economiche per comunicare con l’italia(ad es internet e tel. se ci sono abbonamenti o formule competitive)

    -ci sono comportamenti specifici sociali ai quali porre particolare attenzione?(ad es ho letto che non si può bere alcol dove non è esposta la licenza?

    Se qualcuno vorrà rispondermi lo ringrazio molto da ora!!!!

    #6490
    nicola
    Membro

    Cara Vania,

    benché Dubai sia conosciuta come una cittá aperta e socialmente tollerante, vi sono ovviamente dei filtri, una censura, per evitare che la cittá diventi un luogo di scambio di materiale illegale e pornografico. Ma conosco diverse persone che hanno portato quantitá modeste di documenti fotocopiati e non hanno mai avuto problemi in dogana. Tutto quindi sta nel buon senso della persona e nella quantitá. Per i CD e DVD masterizzati invece il problema riguarderebbe piuttosto i diritti d’autore. Purtroppo negli anni passati vi sono state ingenti quantitá di prodotti contraffatti e quindi l’esigenza di Dubai (anzi, degli Emirati Arabi Uniti) di entrare a far parte del WTO ha fatto alzare il livello di guardia in questo senso. Ma se i tuoi CD o DVD masterizzati dovessero contenere materiale genuino per il tuo lavoro ti assicuro che non vi sono problemi nel modo piú assoluto. In casi molto rari la dogana requisisce questo genere di materiale per controllarne un campione e quindi lo rilascia dopo una settimana o due, il tempo di verificarne i contenuti. Ma questo succede soprattutto su ingenti quantitá di materiale simile spedito via cargo.

    Aldilá di questo appunto le regole da osservare son poche. Dubai é un paese musulmano e quindi tiene alle proprie tradizioni e benché sia tollerante nei nostri confronti é importante mantenere un minimo di contegno, ovvero di non vestirsi in modo esplicitamente provocante nei luoghi tradizionalmente frequentati dalla popolazione locale, non scambiare effusioni nei luoghi pubblici (supermercati, centri commerciali, ospedali etc.), non mettersi in topless al sole nelle spiagge pubbliche (per il costume a due pezzi invece non vi sono problemi) ed é vietato il proselitismo religioso. Infatti esistono luoghi di culto per ogni credo dove praticare in totale libertá la propria confessione.

    In altre parole le regole da osservare non sono piú restrittive di quelle che vanno rispettate in paesi tipo l’Egitto, la Tunisia o il Marocco.

    L’altra regola fondamentale é che durante il mese di digiuno, il mese sacro del Ramadhan, é assolutamente vietata la consumazione di bevande, cibo e sigarette in luoghi pubblici. In questo caso bisognerá consumare questi beni in privato oppure presso un numero di ristoranti che rimangono aperti (solitamente quelli adiacenti negli alberghi). Ma la sera dopo le 19:00 tutti si puó riprendere la vita di sempre ed anche tutti i locali riaprono come sempre.

    La consumazione di alcolici ti confermo é ristretta a locali adiacenti ad alberghi, oppure i residenti richiedono una licenza grazie alla quale si va presso dei negozi adibiti alla vendita di alcolici e quindi si possono acquistare e consumare in privato. Nei centri commerciali e nei ristoranti distaccati dagli alberghi non vi sono né prodotti suini e né prodotti alcolici, i primi disponibili presso oltre la metá dei supermercati ed i secondi come ho giá accennato vi sono negozi che sono ben forniti.

    Invece tengo a precisare che a Dubai vi é tolleranza zero per coloro che guidano dopo aver consumato alcolici. Non esistono quantitá minime e né scuse, poiché quando si esce la sera in pubs, nights, discoteche, ristoranti e bars, é meglio prendere i taxi che sono efficentissimi e costano una cifra irrisoria rispetto alle tariffe europee. Oppure se si esce in gruppo una persona si sacrifica e quindi siederá al volante.

    Le regole come vedi son poche e quindi non precludono in modo invadente la nostra libertá. Ma é importante peró sottolineare una cosa: Dubai ancora oggi rimane una delle cittá piú sicure al mondo.

    Un cordiale saluto!

    Nicola

    #6491
    vania
    Membro

    :)grazie mille nicola per la tua gentilezza,se non ti dispiace ne approfitto per approfondire alcuni argomenti,

    -riguardo al materiale masterizzato quali cd film etc(ovviamente non pornografico o comunque offensivo)tu mi consiglieresti di cancellare tutto dal mio portatile?Potrebbero sequestrarmelo?
    -riguardo almese di ramadam quandoè?
    -fa sempre caldo vero?il periodo più freddo è come una nostra primavera agli inizi?
    -a parte il passaporto, il visto, la patente internazionale,c’è bisogno di qualche altro documento?
    -il visto viene fatto dalla compagnia per cui lavorerò vero? te lo danno in aereoporto?
    -oltre all’assicurazione sanitaria che mi fornisce la compagnia, dovrei avere qualche documentazione riguardo la mia storia sanitaria rilasciato dall’ussl?
    -mi consigli di chiamare l’ambasciata di dubai in italia?
    -mi hanno detto che le leggi conseguenti ad un incidente stradale sono molto ferree, me lo confermi?
    -Skipe è a pagamento?solo le telefonate o anche la chat?
    grazie e scusa se sono cosi “loquace”ma sai…vorrei essere preparata!

    #6492
    nicola
    Membro

    – In tre anni che vivo a Dubai non ho ancora conosciuto una persona alla quale hanno sequestrato il PC portatile per visionarne i contenuti. Comunque ripeto se non vi é materiale esplicito che possa offendere la sensibilitá di qualcuno fossi in te non mi preoccuperei per nulla.

    – Il mese del Ramadan cambia di anno in anno poiché viaggia con il calendario Hijri, ovvero islamico. Quest’anno sará verso la metá di settembre e durerá piú o meno 29 giorni.

    – Fa molto caldo almeno da 5 a 7 mesi l’anno con temperature che oscillano tra i 38 3d i 48 gradi centigradi. Peró da fine ottobre sino a metá marzo la temperatura é piú mite e non supera i 30 gradi di giorno. Nei mesi a cavallo di Novembre/Dicembre/Gennaio/Febbraio vi sono anche massime di 24 gradi di giorno e minime di 16 gradi di sera.

    РA meno che non ti serva il titolo di studio per motivi professionali oppure per procurare visti ad un eventuale coniuge/prole, no oltre il passaporto e la patente internazionale (che in caso di residenza dopo un certo periodo decade quindi andrebbe fatta quella locale che ̩ solo una semplice conversione) non servono altri documenti.

    – All’areoporto viene dato un visto turistico valido per 1-2 mesi (anche se viene dato un mese il rinnovo del secondo é automatico) e poi scaduti i sessanta giorni si puó rinnovare per un altro mese. Il visto di lavoro invece va fatto dalla societá per la quale lavorerai e questo comporta una procedura diversa che a te coinvolgerebbe solo una volta atterrata (solo per le visite mediche).

    – Non occorre nessun documento sanitario rilasciato da chicchessia. In caso di visto di residenza, necessiterá che tu ti presenti ad una clinica per effettuare dei test medici di prassi.

    – A meno che le procedure di visto non lo richiedano (non credo) non occorre contattare l’ambasciata degli Emirati Arabi (Dubai é uno degli Emirati) in Italia.

    – Come ho scritto nella mia prima risposta, le leggi sul traffico sono ferree solo quando vi sono autisti che hanno fatto uso di alchool e si sono messi al volante, oppure quando ci sono feriti che vengono ricoverati all’ospedale, nel qual caso se l’autista ferito é anche la vittima allora la polizia intrattiene l’altro conducente (la controparte) fino a quando la clinica dove il ferito é ricoverato non scioglie la prognosi. Apparte questi casi che definisco estremi, in caso di incidente stradale, a colpa o a ragione, basta chiamare la polizia che rilascia un rapporto e poi ci si rivolge all’assicurazione come avviene in Italia.

    – Skype ed altri sistemi cosiddetti VOIP sono stati banditi a Dubai. La compagnia telefonica Etisalat non permette attraverso i filtri proxy l’uso dei sistemi VOIP. Credo peró che la chat su Skype dovrebbe funzionare anche se non l’ho provato personalmente.

    Fai pure tutte le domande poiché in futuro questi questiti saranno utili a chi come te si accinge di venire a Dubai.

    #6495
    vania
    Membro

    grazie nicola allora vista la tua ultima frase ti chiedo quale sono le maniere per poter telefonare, ci sono piu compagnie telefoniche come in italia?
    ci sono abbonamenti fissi che permettono di chiamare in italia alla stessa cifra ogni mese? lo potrei fare da subito?il cellulare (senza scheda) che ho qui funzionerebbe lo stesso?
    Mi hanno dato questo sito inerente la città di sharja:www.sharja-welcome.com ne conosci altri o conosci qualcuno che frequenta il blog che abiti li?
    Grazieeeeee!!!!!!::o

    #6502
    nicola
    Membro

    Tutti gli Emirati Arabi Uniti messi assieme non superano tre milioni di popolazione quindi un numero multiplo di operatori non sarebbe giustificato. Aldilá di questo commento, mentre a Dubai da quest’anno c’é un nuovo operatore che guarda caso si chiama proprio DU e copre in esclusiva delle aree ben definite, a Sharjah c’é la compagnia Etisalat e solo quella. Purtroppo non ci sono le promozioni che hai suggerito ma so che durante il weekend la tariffa é ridotta.

Stai visualizzando 6 post - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.