Salari a Dubai

Salari a Dubai

Forums Forum Cerco e Offro Lavoro Salari a Dubai

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 25 totali)
  • Autore
    Post
  • #118
    homericgk
    Membro

    Se qualcuno di voi lavora in finanza…mi e` stato offerto un lavoro a Dubai e vorrei sapere qual e` il salario medio per un analista finanziario con esperienza a Londra*un anno e mezzo). Un pacchetto da $80,000 con cui pagare alloggio, vitto e divertimenti e` abbastanza?

    #6514
    nicola
    Membro

    Caro (nome?),

    non lavoro nel campo della finanza ma penso il discorso salariale dovrebbe essere direttamente proporzionale all’esperienza ed alle qualifiche acquisite, questo aldilá del settore che si incide ma sempre meno rispetto all’esperienza a mio avviso. se la tua esperienza professionale é inferiore a dieci anni io credo che il compenso sia piú che adeguato. Ma ti prego ti tenere contro dei seguenti aspetti:

    A) i costi di alloggio sono circa:

    – 50,000 > 90,000 Dirhams (10,000 / 18,000 Euro) l’anno per un monolocale o bilocale
    – 120,000 > 150,000 Dirhams (24,000 / 30,000 Euro) l’anno per un appartamento/villetta a schiera a 2 camere
    – Dai 170,000 Dirhams in su (34,000 Euro) l’anno per un appartamento/villetta a schiera a 3 camere

    I prezzi sopraindicati sono da pagare anticipatamente con 1, 2 o 3 assegni, in alcuni casi ne accettano anche 4. In aggiunta bisogna acquistare i mobili e quindi dipende dai gusti ma se acquistati ad IKEA per esempio il costo si aggirerá dai 30,000 Dirhams ai 60,000 (6,000/12,000 Euro) dipende ovviamente dal numero di camere da letto e dal tipo di accessori (TV/Frigo etc). A questo ovviamente vanno aggiunte le utenze di luce/acqua e gas che variano parecchio tra estate e inverno per via dell’aria condizionata che d’estate raddoppia i consumi ma diciamo nel migliore dei casi parliamo di una media mensile di 600 Dirhams (120 Euro) e nel peggiore dei casi di 1,500 Dirhams (300 Euro).

    I costi di trasporto sono inferiori anche se non troppo rispetto all’Europa. É vero che qui la benzina costa pochissimo rispetto all’Italia ma é anche vero che qui il diesel non esiste e quindi con un pieno per un 2,000 di cilindrata si fanno molti meno chilometri.

    Per i divertimenti anche questo dipende da ogni individuo. I costi dei locali (nights/ristoranti etc.) é equiparabile all’Italia ed in diversi casi é persino superiore. Si esce ogni sera quindi sará dura starci dentro con il tuo budget mentre se si esce una o due volte la settimana direi che non ci sono grossi problemi.

    Quindi per ricapitolare, se sulla tua esperienza c’ho azzeccato o quasi il pacchetto va bene e se non hai esigenze familiari (famiglia a carico) e quindi ti puoi accontentare di un appartamento con una sola camera da letto, un auto tipo corolla, allora con il tuo budget ci stai alla grande.

    Con i migliori auguri.

    Nicola

    #6516
    homericgk
    Membro

    Grazie mille Nicola, la tua risposta mi ha aiutato molto.

    #6517
    nicola
    Membro

    Figurati.

    Unico neo di Dubai che comunque ha i mesi contati é la congestione del traffico per via dell’impressionante incremento di residenti. Per tutto il resto Dubai é un posto trendy e vibrante, quindi speriamo di accoglierti tra noi.

    Nicola

    #6533
    Anonimo
    Ospite

    Ciao Nicola,

    vedo che sei una persona ormai con il pieno possesso del territorio visto le precise risposte che hai dato :-) sul forum.

    Se permetti anch’io avrei da esporti alcune perplessità e se puoi aiutarmi te ne sarei grato.

    Avrei intenzione di iniziare un’attività commerciale in società con un mio amico egiziano che già ha sviluppato a Marsa Alam in Egitto dei tour nel deserto e non solo, con una piccola flotta di quad.

    Dovremmo venire a Dubai (credo dopo agosto o durante) per prendere contatto con operatori turistici, villaggi e hotel per proporre la nostra iniziativa.
    Tieni conto che ho già parlato con l’ambasciata a Roma , con alcuni tour operator in Italia e con l’ufficio del commercio Italo-Arabo per questa nostra iniziativa.

    Tutti dicono che sicuramente potrebbe prendere piede, anche perchè una società formata da un occidentale con un arabo è ben vista (sul piano della fiducia).

    Premesso tuto questo, mia moglie mi seguirebbe e per lei avrei pensato di poterla presentare a tour operator come accompagnatrice o comunque persona di riferimento per operare con i turisti o con agenzie.

    Detto questo volevo da te un qualche consiglio su cosa pensi della fattibilità della mia idea e per la parte di mia moglie.

    1. Non credo ci possano essere grosse difficoltà nella costituzione della società
    2. Che tipo di stipendio bisognerebbe pensare di realizzare per poter vivere (non nel lusso), ma diciamo normale o poco più della soglia.
    3. Come funziona il servizio sanitario, (è meglio orientarsi sul privato , se cìè e quanto potrebbe costare).

    Varie ed eventuali a tua discrezione, tieni conto che sono un pò restio a parlare di altre questioni specifiche in pubblico, nel caso c’è la mia mail personale.

    Ti ringrazio tantissimo se vorrai aiutarci con la tua esperienza.

    Ciao
    Marino

    #6534
    nicola
    Membro

    Caro Marino,

    per quanto riguarda il costo della vita, proprio in questa pagina ho giá fornito una risposta sufficentemente dettagliata a homericgk. Pertanto ti invito a visionare le risposte che ho fornito e semmai farmi domande piú specifiche su qualcosa che manca.

    Per la tua signora non credo che ci saranno problemi a che lei trovasse un occupazione anche se non saprei darti ragguagli piú precisi per dove lei possa rivolgersi e neanche sugli stipendi per quel tipo di lavori.

    Per la costituzione di una societá vi sono due possibilitá: aprire una societá offshore oppure una societá regolare. Per le societá offshore il percorso é semplicissimo ma per il tipo di business che tu vorresti iniziare a Dubai sei obbligato ad aprirne una che non sia offshore. Per queste bisogna quindi trovare uno sponsor locale (un cittadino degli Emirati) che é solito a prendere una percentuale che varia dal 1% al 10%, dipende sia dal tipo di attivitá e sia dal giro di affari che uno prevede di realizzare. In alcuni casi ho sentito anche parlare di una tantum (non percentuale) fissa.

    Il servizio sanitario per essere comparato a quello italiano dev’essere per forza privato. Qui come in America la gran parte dei residenti hanno l’assicurazione medica che a seconda dei benefici varia il costo.

    Se hai altre domande, a disposizione.

    Nicola

    #6537
    Anonimo
    Ospite

    Nicola

    grazie 1000 in effetti mi sono accorto dopo delle indicazioni che avevi già dato.

    Quello che adesso mi lascia molto perplesso è il fatto dell’obbligatorietà di coinvolgere un qualcuno a caso per poter operare, soprattutto prendere qualcuno così che non si conosce e come conoscerlo…

    Non penso che per questo bisogna mettersi per strada a modi strillone alla ricerca di un partner,…insomma mi hai messo un bel tarlo.

    Puoi dare tu dei suggerimenti?… Forse per te sono domande stupide , ma devi pensare a chi è fuori da quel mondo …
    Grazie Ciao Marino

    #6538
    nicola
    Membro

    Non sono domande stupide affatto!

    Io conosco dei locali ovviamente ma non faccio segnalazioni proprio perché é una cosa troppo delicata per metterci il naso.

    Quello che ti posso dire é che sui classifieds (annunci sui giornali) si possono trovare proposte da parte di locali o di agenzie che si offrono di assistere in questo genere di problemi. Per questo é essenziale che tu investa in un periodo conoscitivo per valutare queste cose di persona.

    Nicola

    #6539
    Anonimo
    Ospite

    ok Nicola,

    per il momento c’è di che raccontare a mia moglie, cercherò di fargli capire quest’ultimo punto,…anche se non sarà facile.

    Nel caso ti disturberò domani ,se posso, sarà the day after nel caso riesco a resistere a tutte le obbiezioni e dubbi della dolce metà.

    Grazie ancora, ciao
    Marino

    #6540
    Anonimo
    Ospite

    Ciao Nicola

    rieccomi, spero di non disturbarti troppo, ma ho preso alcune informazioni e vorrei verificarne altre con te.

    Per l’attività che vorrei aprire (QUAD per turisti con tour) mi hanno dato due notizie una bella e una brutta.

    Partiamo con la brutta,..molti mi confermano che il mercato è alla saturazione e che comunque esistono alcune agenzie di un certo spessore che sono in mano a Sceicchi o comunque arabe e tendono ad avere il monopolio anche se esistono piccole realtà che cercano di farsi largo , ma che comunque non è facile.
    Le grosse agenzie lavorano con tour operator e alberghi offrendo pacchecchi ad hoc. Quindi non è semplice.

    La notizia un pò più bella è che le possibilità possono eserci se si è competitivi, ma bisogna fare i conti con la realtà di costi rilevanti (ad esempio ufficio nella Free Zone è di circa € 20.000 all’anno, assic. sanitarie, affitto casa,..etc etc..) .

    Come si dice “non è tutto oro quello che luccica”.

    Detto questo il consiglio generale è stato di fare un sopraluogo , meglio dopo il ramadan (dal 15 sett al 15 ott).

    A dire il vero non so cosa chiederti,….forse una tua opinione (come quelle che dai sul forum) a questo punto sarebbe quella più diretta..
    Grazie ancora per tutto e complimenti per l’aiuto che dai a tutti.

    Ciao
    MArino

    #6541
    nicola
    Membro

    Come ti ho detto in precedenza la Free Zone (zona franca) permette di operare in autonomia senza uno sponsor, ma non é disponibile per tutte le tipologie di attivitá e seppure non ne sono sicuro al 100%, credo che non lo sia per quasi tutte le attivitá attinenti al settore turistico che quindi vorrebbero mantenere un controllo piú diretto visto che il settore é considerato strategico per l’economia locale.

    A Dubai il genere di attivitá che vuoi aprire tu (quads, desert safari, jetski, rtc) sono pervalentemente gestite da personale asiatico, iraniani o arabi (non locali) aldilá di chi sia il proprietario che raramente é coinvolto dal punto di vista gestionale e operativo. Questo perché le suddette nazionalitá generalmente si accontentano di utili e compensi inferiori a quelli degli occidentali quindi riuscendo a fare prezzi molto piú competitivi.

    L’ultimo dei miei intenti é di demoralizzarti ma non voglio neanche illuderti perché cadrei nella trappola opposta.

    Il suggerimento che posso darti se non hai una fretta impellente di incominciare questa attivitá, con calma di cercare un partner locale e semmai integrarti ad una struttura giá esistente. Non essendo il mio settore di attivitá purtroppo non posso darti consigli piú specifici e dettagliati.

    Quindi per fare un riassunto sommario: Dubai rimane una cittá dove le prospettiva di fare affari sono consistenti, ma il processo richiede una pianificazione ed una dedizione che non é all’acqua di rose. Se l’attivitá sará pianificata a dovere io sono della convinzione che Dubai rimane ancora un luogo dove poter operare e vivere con soddisfazione.

    Cari saluti.

    Nicola

    #6542
    Anonimo
    Ospite

    Nicola

    …..sai anche rincuorare…. :) quasi perfetto come Marry Poppins.

    Scherzi a parte grazie,..credo che seguirò il tuo consiglio, anche se (non so se te lo avevo detto) sarò in società con un amico egiziano che attualmente opera con questa attività in Egitto già da 10 anni.

    Ciao,…a presto
    Marino

    #6699
    Anonimo
    Ospite

    secondo Voi conviene ancora comprare un appartamento a Dubai?
    dei conoscenti mi hanno sconsigliato perchèi prezzi ormai sono sui 3000€ al mq e perchè dal 2010 in poi non ci sarà più il problema che non ci sono appartamenti visto che ne stanno costruento una miriade e quindi anche la rendita da affitto è destinata a scendere
    Ultima nota negativa è la vicinanza con l’iran e il golfo persico….. in caso di guerra le quotazioni crollerebero
    Che ne dite?datemi un vostro parere!
    Grazie

    #6700
    nicola
    Membro

    Mah sai se ne sentono tante. Ho acquistato casa 4 mesi fa consapevole che oramai il mercato era salito troppo in altro e quindi non avevo intenti speculatori ma solo di non buttare i soldi dell’affitto. Alla fine in quattro mesi la mia casa si é rivalutata di ulteriori 150,000 dollari con mia enorme sorpresa. Il fatto é che io ho acquistato una villetta a schiera che ha un mercato diverso rispetto a quello degli appartamenti quindi non posso darti consigli obiettivi in merito.

    Quello su cui posso intervenire é il dubbio sull’Iran. Gli Emirati hanno un atteggiamento molto neutrale nei confronti di qualsiasi conflitto bellico e pertanto anche l’Iraq che non é molto piú distante geograficamente non ha assolutamente influito negativamente sulla stabilitá, sicurezza e ne tantomeno economia del paese che ti assicuro é stabile e prospera con costante e salutare crescita.

    Se decidessi di investire su un immobile, ti consiglio un progetto in fase di progettazione e/o costruzione poiché i prezzi sono molto piú vantaggiosi e lungimiranti. Acquistare un immobile giá pronto al prezzo di mercato, difficilmente permette operazioni speculative vantaggiose a mio avviso.

    Auguri e a presto.

    Nicola

    #6701
    Anonimo
    Ospite

    grazie della tempestiva risposta!
    all’anima della rivalutazione … non sò in % a quanto corrisponde ma è cmq tantissimo in 4 mesi!!
    mamma mia!!
    ma tu sai li quanto costa un appartamento sui 50 mq? tanto per capire … ci sono diverse società che in italia che fanno da intermediari ma credo che pompino i prezzi in maniera assurda … alcuni arrivano anche oltre i 4500€ a mq…
    in effetti è vero che gli emirati sono neutrali però,visto che si parla di “mini bombe nucleari”… proprio tranquilli non credo si possa stare… non credo che una cosa del genere non possa non allarmare gli investitori dell’area… poi non sò..

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 25 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.