vivere a Dubai

vivere a Dubai

Forums Forum In generale su Dubai vivere a Dubai

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 8 post - dal 1 a 8 (di 8 totali)
  • Autore
    Post
  • #409

    Ciao a tutti,
    nel mentre proseguono i contatti per un contratto di lavoro a Dubai, continuo a seguirvi e ad assumere informazioni sul Paese, sulle modalità e sulla qualità della vita in loco.

    Premetto che sono fortemente motivato dalle opportunità di sviluppo e che non mi pongo particolari problemi di adattamento, tuttavia devo ammettere che alcuni conoscenti che sonpo stati a Dubai per lavoro mi hanno sollevato più di qualche perplessità in merito alla vita, specie se rapportata ai nostri standard.

    In particolare, uno di questi (che pure ha operato parecchio anche nel sud-est asiatico) ha espresso non poche perplessità sullo stile di vita (la sua esperienza, abbastanza breve, è quella di fornitore di progetti e servizi nel campo dello Yacht building). Il suo auspicio finale è stato “se però, nell’ambito di una posizione di senior management, ti collocano adeguatamente in termini di housing ed altri benefit …”.

    Da un’altra fonte, invece, ho avuto dei feedback non proprio rassicuranti in termini di serietà professionale. Ma in questo caso, trattandosi di imprenditoria nel campo dell’architettura e dell’edilizia, non metto assolutamente la mano sul fuoco per l’attendibilità degli imprenditori italiani. Troppi “furbetti” in quel campo e non mi meraviglierei se si trattasse della solita “la volpe e l’uva”.

    Però, sempre in merito a serietà ed affidabilità, mi è capitato di leggere che nell’area sia abitudine diffusa trasferire le sofferenze finanziarie sul personale. Se l’azienda fatica ad incassare, automaticamente tutte le scadenze scalano, stipendi inclusi.
    Questa – se abitudine diffusa ed istituzionalizzata – sarebbe piuttosto grave e preoccupante.

    venendo al dunque, la mia domanda è la seguente:
    qual’è la linea di confine tra uno stile di vita “vivere per lavorare/lavorando per sopravvivere” e quello “lavorare per vivere” (concedendosi anche qualche spazio per la vita sociale) ?

    Ammettendo di avere una certa disponibilità, non dico il lusso ma una retribuzione decorosa, quali sono le possibilità di relazionarsi con il mondo esterno ?

    L’ambiente, escludendo i meeting organizzati da voi, è sufficientemente permeabile oppure ostile ?

    La tanto nominata “lifestyle” o “nightylife” di Dubai, esiste ? In che termini ? E’ accessibile ?
    (non sono un party/disco dipendente, tutt’altro … però da qui a fare il recluso ne passa).

    Tra l’altro, sto negoziando un rapporto di lavoro che mi consenta una certa libertà professionale, per poter rappresentare anche gli interessi di una società italiana nel campo dello Yachting, ed eventualmente proporre i miei servizi nello Yacht Design. La strada potrebbe essere quello dello studio professionale o del branch-office di una società estera.

    In entrambi i casi, comunque, fermo restando il consenso del mio sponsor, per me sarà importante favorire i contatti inter personali.
    Non ho alcun problema con la lingua Inglese, nel caso potrebbe interessarmi anche imparare la lingua Araba (anche se non mi viene richiesto).

    Inoltre, per la vostra esperienza, qual’è la flessibilità nel rapporto di lavoro ? E gli orari ? Cosa potrei attendermi ? (ovviamente sono temi che man mano sto ponendo direttamente al mio interlocutore, però mi piacerebbe avere una vostra opinione dal campo). Se le cose stessero come proposto ufficialmente (orario continuato 07.00 – 16.00) potrei avere parecchio tempo per iniziare a predisporre l’attività complementare, oppure per praticare sport.

    Poi ho un altra curiosità: ho letto che le biciclette praticamente non esistono (per il clima e per la pericolosità delle strade), e anche le moto sarebbero assai poco diffuse e sconsigliate.
    A me piace girare in moto (ho una maxi-enduro) davvero è da considerare off-limits ?

    Infine (per ora) come potrebbe essere gestito il rapporto con del personale di servizio (colf) ? Ho letto che si tratta generamente di personale di origine indo-pakistana, con richieste davvero modeste, ma che generalmente gli viene offerta una housing allowance.
    Qualcuno di voi ha esperienza in merito ? sono affidabili ?
    Anche se dovessi avere la disponibilità di una villa, non ho una personale dimestichezza con personale di servizio, ma avrei certo la necessità di tenere in ordine e pulito l’ambiente.
    Esiste la possibilità di trovare del personale affidabile e che sia indipendente per quanto riguarda l’housing ?
    Ci sono agenzie come da noi ?

    Per il momento mi fermo qui, naturalmente avrei decine di domande da porre, mi scuso in anticipo per evntuali domande che dovessero risultare ripetitive per il forum.

    Ciao e ancora grazie per il cortese supporto.

    paolo

    #7874
    nicola
    Membro

    Anche se per risponderti riga per riga richederá qualche giorno di ferie, proveró di risponderti lo stesso ;)

    Allora… sul discorso della serietá delle aziende e di chi assume. Come da noi non si puó fare di tutta l’erba un fascio. Io come dipendente parecchi anni fa non fui pagato in Italia per qualche mese. Qui nel Golfo, dove vivo da oltre dieci anni di cui 7 come dipendente, su tre aziende, tutte mi hanno pagato puntualmente come degli orologi svizzeri. Ma ho saputo anche di societá che non usano la stessa meticolositá ma ripeto sono situazioni molto standards ed é difficile generalizzare, diciamo che non mi é ancora capitato di setire connazionali che si lamentassero di non aver preso lo stipendio oppure che gli venissero negati i diritti in qualche modo.

    Per mantenere uno stile di vita medio alto, oltre a dimora, auto aziendale e viaggi pagati, credo la retribuzione debba superare almeno 5000 euro al mese, soprattutto se si ha famiglia a carico.

    Ogni azienda adotta una sua politica per quanto concerne gli orari, quindi c’é chi non esige la pausa pranzo, chi preferisce sonnecchiare qualche ora in piú il mattino e chi invece voterebbe la tua proposta come migliore proprio perché consente molto tempo libero a disposizione. Quindi, non esiste una regola fissa sugli orari, tranne disposizioni governative che prevedono un massimo di 8 ore lavorative al giorno, almeno un giorno di pausa la settimana con il venerdí giorno ufficiale obbligatorio ed il sabato come giorno opzionale e facoltativo di riposo.

    Le biciclette esistono ma non sono molto comuni, confermo. Per quanto riguarda le moto ci sono anche quelle ma poche enduro, soprattutto moto da strada.

    Le colf sono parecchio diffuse ma attenzione perché per i locali e gli stranieri vengono usati pesi e misure diverse. Gli stranieri devono, oltre a tutte le spese di visti, viaggio, stipendio etc. devono versare annualmente altri 5000 dirhams (1,500 dollari) l’anno mentre i locali sono esentati da questa diciamo tassa. Ti confermo altresí che esistono agenzie di reclutamento per le domestiche altrimenti esistono agenzie in loco che forniscono il servizio a costo orario.

    Auguri!

    #7875

    Grazie Nicola, sempre pronto ed esaustivo, as usual. :-)

    La cosa che per il momento mi sfugge ancora è se sia o meno possibile – per legge – lavorare come manager (dipendente) di un’Azienda locale e, nelle ore libere, con il consenso informato dell’Azienda sponsor, operare come indipendente (in una delle possibili forme professionali o societarie) o in qualità di promotore e/o referente di una Società estera (vedi branch office).

    E’ probabile che all’Azienda la mia proposta possa andar bene, in quanto l’attività sarebbe complementare (nello stesso settore o affine) e potrebbe portare dei vantaggi indotti (se un cliente locale mi commissiona il design di uno Yacht poi è possibile che a realizzarlo sia l’Azienda di Dubai per cui dovrei lavorare (se ne hanno la capacità) oppure quella Italiana con cui collaboro ora, oppure ancora in una forma consorziale (entrambe) come in effetti ho prospettato (ognuna nella propria specificità e con il proprio know-how).

    Hai, magari, un riferimento (un ufficio, un’istituzione) cui possa rivolgere la domanda e da cui possa ottenere dei chiarimenti affiidabili ?

    Al di là dell’aspetto meramente veniale (che comunque non è trascurabile), ci terrei moltissimo ad operare per lo sviluppo delle potenzialità di mercato del cantiere con cui sto lavorando, in quanto il prodotto di estrema qualità che realizziamo dovrebbe trovare un giusto posizionamento nel Golfo. Qui da noi, il costo elevato rende complicata la trattativa, pur di fronte all’enorme interesse determinato dal design innovativo e dal livello ineguagliabile delle finiture.

    Ciao e ancora grazie

    Paolo

    #7879
    nicola
    Membro

    Se l’azienda é daccordo non vedo il problema onestamente. Per coprirti le spalle la societá deve firmarti un consenso e quindi se domani qualcuno dovesse ripensarci non avresti ripercussioni legali.

    #8936
    salvox6
    Membro

    Ciao nicola sono salvo vorrei chiederti un consiglio x quanto riguarda lavorare a Dubai .
    Io sono orafo da 32anni e le cose in italia non vanno bene…ho famiglia e 2 figlie di cui una di 22 anni.
    Mi faresti sapere se ci sono aziende che cercano orafi professionali in merito??e quanto pagherebbero un orafo italiano con lavorazione italiana??
    Se possibile mi trasferirei subito..avrei solo bisogno di un po di giorni per preparare tutti i documenti..
    Grazie!! aspetto una tua risposta!!

    #8938
    nicola
    Membro

    É un campo a me totalmente ignoto quanto affascinante. Dubai é dipinta come meta per l’oro e gioielli, quindi le opportunitá non credo manchino. Sono anche parecchi i marchi italiani presenti ma vista la mia ignoranza in materia non saprei consigliarti da dove iniziare.

    #8954
    salvox6
    Membro

    grazie x aver risposto Nicola!!!ti sono veramente grato e avrei ancora qualche domanda da farti in proposito…mi faresti il favore di informarti se qualche azienda cerca orafi italiani e supergiù quanto pagherebbero lo stipendio???cmq…ne vale la pena secondo te venire a Dubai x una settimana x cercare lavoro??secondo te puo bastare una settimana??xk se tu ti informassi sommariamente e mi contatteresti io potrei venire da te sapendo già dove andare…che dici??
    aspetto una tua risposta al piu presto!!
    grazie e ciao!!!!!! =)

    #8955
    nicola
    Membro

    Mi dispiace ma questo forum fornisce consigli generali e non é un servizio di reclutamento. I contributi al forum e nei vari argomenti sono postati da persone che hanno parecchi impegni e lo fanno nel tempo a disposizione, solitamente nelle ore serali. Pertanto questo forum é usufruibile per ottenere informazioni e null’altro rispetto alla ricerca di impiego.

Stai visualizzando 8 post - dal 1 a 8 (di 8 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.